Rebecca Gayheart: “Ho desiderato di morire”

rebecca Rebecca Gayheart: Ho desiderato di morire

Foto via web

Rebecca Gayheart ha deciso di aprisi per la prima volta riguardo i sentimenti provati dopo che, nel 2001, investì un bambino di 9 anni con la sua auto. Il bambino, che stava attraversando la strada, morì a causa dell’impatto e la cosa portò l’attrice in una terribile spirale di dolore.

“Ho avuto un incidente terribile che ha causato la morte di un bimbo di 9 anni. Sai, questo ha cambiato tutte le cose ed ancora oggi faccio molta fatica a parlarne.” ha spiegato la star di ‘Beverly Hills 90210’ nel podcast The Only One In The Room “Dopo l’incidente non avevo più voglia di vivere, non potevo gestire il dolore. Fu così che trascorsi un anno intero tentando di farla finita, facevo tutto quello che ti aspetteresti da una persona con comportamenti autodistruttivi.”

Rebecca fu processata per omicidio colposo e pagò non solo con un risarcimento danni, ma anche con un periodo di libertà vigilata al quale si aggiunsero 750 ore di lavori socialmente utili.

“Mi sentivo confusa, come se fino ad allora avessi vissuto una vita fantastica e d’improvviso mi fossi ritrovata ad essere una persona terribile. Il mio mondo si è rovesciato ed io ho perso la fiducia in tutto. Chiedevo a Dio perchè fosse successo a me tutto questo.  Ancora adesso ho difficoltà ad accettare questa cosa. Mi domando perchè, continuo a ripetermi la scena nella testa pensando che se avessi fatto delle scelte diverse, per esempio se mi fossi fermata a fare benzina, non mi sarei ritrovata lì in quel preciso momento. Sono cose che non vanno mai via dalla tua mente.”

“Oggi però mi rendo conto che ho ancora il diritto di essere felice. Che sono destinato a stare su questo pianeta, che se sono qui c’è uno scopo.”

 

Ti potrebbero interessare anche...

Commenta ora!

I commenti sono disabilitati.

Scopri di più su...

Taylor Swift: “Non mi stresso pensando al mio corpo”

Kim Kardashian è sulla cover di New York Magazine

Selena Gomez: “Io vittima di body shaming”